Storia e nascita della società

Circa trent’anni fa a Castagnito, abitava e abita tutt’ora Bruno Natalino che dedicava il suo tempo libero all’ attività sportiva e precisamente al podismo.


All’epoca era già tra i migliori dell’ albese, dopo qualche anno a lui si aggiunse Gonella Renzo, chiaramente non al suo livello, ma comunque condividevano la stessa passione. Tesserati per una nota società podistica albese, hanno macinato insieme parecchi km. In seguito a loro si unirono due signori di S.Giuseppe di Castagnito, Mina Piergiorgio e Ghisolfi Giovanni, la compagnia aumentò nel tempo con Palmitesta Angelo, Bianco Fausto, Marco CAssinelli e Monte Gianni, due allenamenti settimanali più la corsa della domenica. Insieme hanno trascorso parecchi anni in amicizia,, condividendo moment di sudore e faica, ma anche piacevoli e divertenti trasferte in giro per il mondo. Alcuni hanno partecipato a maratone importanti, come New York, Parigi, Roma, Venezia, Firenze, Padova, Milano, Una volta al mese si trovavano a riunioni mangerecce, passando dalla polenta, alla bagnacauda, al maialino e altro. Un bel giorno questa brancà d’amis (una manciata di amici) su è posto questa domanda:
Perché non fondiamo una nostra società podistica? Sembrava un sogno, la discussione durò diverso tempo. In seguito, in una scurissima serata e in un ancor più oscuro scantinato, davanti alla tremolante luce, di una tremolante candela i sei soci fondatori decisero per il “proviamoci”.

Il 5 Dicembre, dal computer del futuro presidente si udì un botto proveniente dal sito Fidal sezione servizi on line, era il nostro conto alleggerito di euro 170,00 costo affiliazione e il giorno dopo dodici botti sembrava di essere a capodanno e come in una slot machine venivano scalati euro 152,00, il costo di dodici tesseramenti, nel frattempo si erano aggiunti Stroppiana Fabrizio, Caputo Pasquale, Rovero mario, Scotto Fabrizio.

Signori era ufficialmente nata la “podistica Castagnitese”. Che dio ci Benedica.